signor_giudice_mi_sento_tra_languria_e_il_martello

1996

SIGNOR GIUDICE, MI SENTO TRA L’ANGURIA E IL MARTELLO

STUPIDARIO – MA NON SOLO – DI COSA NOSTRA

 

- Signor giudice, io ho fatto reati minimi e massimi, ma sempre con onestà

 

Giudice:- Lei è sedicente

Imputato:- Io sono trentenne!

 

Calò:-  Signor Presidente, Buscetta in questo suo pentitismo…

Buscetta:- Pentitismo ci sei tu!

(noto mafilogo)

la parola Mafia deriva dall’arabo “MAFI’” che significa “Non c’è”

Lascia un Commento